The Dull Youth

The Dull Youth

2012 – 2015

 

The Dull Youth non è voyeurismo, né investigazione. È un’esperienza dal di dentro, una metodologia relazionale che, al tempo stesso, cattura la banalità e la frivolezza dell’adolescenza.” (Elora Tescari)

Inizialmente non volevo scrivere una presentazione. Trovavo che già il titolo orientasse nel giusto senso la lettura delle fotografie, che non necessitasse di ulteriori spiegazioni. Il rischio era di perdermi in questioni troppo personali, in più sentivo che commentare il progetto razionalmente avrebbe tolto vitalità alle foto.

Posso dire che nel periodo in cui le ho scattate – dai tredici ai sedici anni – non pensavo che i miei amici fossero noiosi, piatti -insomma, dull. Non stavo neanche pianificando un progetto; scattavo per ispirazione presa da una singola scena o da una singola idea.

Col passare del tempo mi sono accorta che la fotografia mi aiutava a comprendere meglio me stessa. Ideare, scattare e poi guardare le foto anche a distanza di anni, mi ha permesso di conoscere meglio vari aspetti della mia persona e del rapporto con ciò che sta al di fuori di me: ambienti, persone, situazioni.

I soggetti raffigurati sono adolescenti, ma non sono rappresentati in modo trasognante e appassionato, non sono i soliti giovani romanticizzati dall’immagine -come se fossero personaggi di un film- a cui ci siamo abituati. Sono ragazzi e ragazze ai quali mi sono sentita vicina, ed insieme a loro mi sono illusa di potermi sentire come quei ragazzi e quelle ragazze che vedevamo sugli schermi – senza mai farcela, senza mai capire che non potevamo farcela.

The following two tabs change content below.
Dana Tescari
Fotografa di 18 anni, studia comunicazione e grafica all'Itsos Albe Steiner. Nel 2013 ha partecipato all'esposizione "Il lato nascosto", Azalai, Milano.
Dana Tescari

Ultimi post di Dana Tescari (vedi tutti)

FacebookTwitterGoogle+

Comments

comments